.
Annunci online

 
questopazzomondo 
piedi per terra, e cuore fra le nuvole (EP)
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Quello che probabilmente, ora, sto ascoltando
Se non sono depressa ascolto questo però ;)
La Torre di Babele
Corriere della Sera
European Journalism Center
Ansa
Internazionale
Chronica.it
Blog Notes
Fotografare.net
Erasmus Times e-zine
Bomba TV
Ele
Sognatrice
Stefano
Brezza di lago
Views&News
Il piano C che sogno anch'io
Chi con le parole fa magie
Troppo vino altera i sensi
Vedorosso
Sergio
Ordinaria isteria
Ofyp
Ombra
Un conte
  cerca

Yahoo! Avatars

E così, forse, torneremo ad essere due estranei che per un momento hanno avuto la fortuna di accarezzare una scintilla, di scoprire qualcosa di bello nel fondere due anime e due passioni.
Due estranei che forse sono soltanto molto stupidi e testardi.





Quante cose che non sai di me
che non puoi sapere
anche mentre guardo il mare
e lascio naufragare
un principio di ironia


Nascondo questa stupida
allegria
quando mi guardi
Leggera nel cielo
si perde e
se ne va


Semplici e un po' banali
io direi quasi prevedibili
e sempre uguali
sono fatti tutti così
gli uomini e l'amore
e va bene
guida tu
che sei brava più
di me
attendo che sia amore


 

Diario | Immagini dal mio mondo | Qualcosa di personale | Stranezze | News |
 
Diario
1visite.

11 marzo 2009

Somewhere, beyond the rainbow...

Pare che l'istinto di scrivere vada e venga, il desiderio di raccontarsi a una tastiera, davanti a uno schermo che ha i colori di un cielo azzurro e di ali rosse a velocità di crociera. E la notte ha il suono dolce di un pianoforte e di una voce calda e roca.

La mia nuova stanza prende lentamente forma. Ha i colori di un Mirò, dell'Empire State Building, di Dublino d'autunno e il bianco e nero di Central Park nel '61 sotto la neve. Ha anche il rosso e il giallo di un vigneto di Van Gogh. Purtroppo ha i rumori della strada, clacson, ambulanze, isterici, ma già non ci si fa più caso. L'antidoto e' perdersi in una compilation messa insieme da chi ci ama, isolarsi in un buon libro regalato da un'amica, concentrarsi sui propri pensieri. Non cedere alla nostalgia della malinconia.

Posso essere uccello notturno o alba. Silenzio o euforia. Canto o chiacchiericcio.

Ogni casa ha i suoi mostri. Dal mostro verde, aggrappato all'intonaco del palazzo, al mostro marrone: l'incubo che il vecchio armadio mi uccida schiacciandomi mentre scelgo calze e slip. Sì, un armadio che tende a cascare in avanti. Sarà la mia paranoia e il mio vezzo in questa nuova avventura.

Solo due mesi fa regnavano l'incertezza più oscura, le ansie più assurde. Oggi prendono forma il tempo e lo spazio, il cuore e la ragione. L'arcobaleno e le nuvole.




permalink | inviato da questopazzomondo il 11/3/2009 alle 23:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        ottobre